1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
 
Contenuto della pagina

"Una scelta in comune"

donatori con la carta d'identita'


Ha preso il via in nove cittā delle Marche, tra le quali AscoliPiceno,  il progetto pilota "Una scelta in Comune", la nuova modalitā didichiarazione della volontā di donazione di organi e tessuti. Un'azionestrategica per il sistema trapianti nel suo complesso che permette diregistrare la dichiarazione di volontā, il proprio consenso o diniego alladonazione, firmando un semplice modulo nel momento di rilascio o rinnovo deldocumento di identitā.
"Si tratta di un progetto - ha commentatoil sindaco Guido  Castelli - di grandevalore civile. Gli ascolani, cosė come i cittadini degli altri Comuni che hannoaderito:  Ancona, Fabriano, Chiaravalle, Fermo, Pedaso, SanBenedetto e Porto Sant'Elpidio, al momento del rinnovo della carta d'identitāpotranno operare una scelta di grande civiltā, indicando la volontā di donare, o meno, gli organi. Donare gli organi č indice di grande altruismo esensibilitā verso coloro che attendono un organo per sopravvivere e riprendersila vita".
Con "Una scelta in Comune" , i maggiorenni che si presentino all'Ufficio Anagrafe per rinnovare o fare lacarta d'identitā, potranno specificare sul proprio documento se consentono omeno alla donazione di organi. Saranno infatti invitatidall'operatore dell'ufficio anagrafe a manifestare il proprio consenso odiniego alla donazione sottoscrivendo un apposito modulo. Le informazioni verrannotrasferite al Sistema Informativo Trapianti cheviene costantemente consultato in caso di bisogno. 
Le Marche,prima regione in Italia per numero di donatori (lo scorso anno in regione iltasso di donatori era del 34, 5% per milione di abitanti) , ha aderito a questoprogetto che in una fase di sperimentazione a Perugia, Terni e Cesena haraccolto oltre il 90% di dichiarazioni di assenso.
"L'Italiacomincia dalle Marche" cosė in Regione č stato presentato il progetto "Unascelta in Comune" cui l'Amministrazione di Ascoli ha prontamente aderito - hadetto l'assessore alle Politiche Sociali, Donatella Ferretti -  e che č per il momento il primo a partire inItalia. E' una scelta di grande civiltā e progresso che ha coinvoltol'associazione AIDO della sezione di Ascoli con il presidente Paolo Cappelli, egli  operatori del servizio anagrafe chesono stati appositamente formati per svolgere il servizio di raccolta delleadesioni e di registrazione nella Banca Dati Nazionale. Siamo molto soddisfattidi questo ulteriore servizio che forniamo ai nostri cittadini e che arricchiscel'intera comunitā".
Le adesioni registrate alComune non verranno indicate sul documento di identificazione ma sarannotrasmesse direttamente e in tempo reale al Sistema Informativo Trapianti. Il colloquio tra il sistema informativo comunale e il Sistema InformativoTrapianti utilizzando un canale crittografato (https) che prevede una mutuaautenticazione fra i due sistemi tramite un certificato digitale.
Il Sistema InformativoTrapianti viene consultato per ogni potenziale donatore in stato diaccertamento di morte cerebrale dal Centro Regionale Trapianti in modalitāsicura e in regime di H 24. Questo meccanismo consente di verificare per ogniaccertamento di morte con criteri neurologici se il potenziale donatore si eraespresso in vita (e in questo caso fa testo la sua volontā negativa opositiva); nell'eventualitā che non vi sia stata alcuna volontā dichiarataviene data ai familiari la possibilitā di opporsi o meno alla donazione.
fai la tua scelta in Comune